mercoledì 10 ottobre 2018

L'ANPI di Palermo non ha dubbi: il vice commissario di PS di Mussomeli, trasferito notte tempo il 9 ottobre 1919 a Riesi a sedarvi una rivolta solo apparentemente contadina, in efffeti eversiva, è un fascista della prima ora.
In quel frangente là di fascismo in Sicilia neppure l'ombra. Un minimo di conoscenza storica ci rassicura. Cessato il governo Vittorio Emanuele Orlando, subentrato Nitti, c'è invece arria di vago socialismo magari ufficiale, magari moderato,
E guarda caso il trentaquattrenne dottore Ettore Giuseppe Tancredi Messana era di Racalmuto e prima di entrare in polizia vi faceva l'avvocato con propensioni nientemeno socialiste.
Un testo storico ce ne dà notizia. Eugenio Napoleone Messana nel suo facondo RACALMUTO NELLA STORIA DI SICILIA, Canicattì giugno 1969, a pag, 357 ci racconta: "Fra gli intellettuali del paese che in questo periodo si affermarono meritano particolare attenzione l'avv. Giuseppe Scimè, l'avv. Salvatore Petrone, l'avv. Ettore Messana. I primi due intrapresero la carriera della magistratura e raggiunsero i posti più alti, sostituto procuratore generale e consigliere di cassazione lo Scimè, consigliere di cassazione il Petrone, il Messana scelse la pubblica sicurezza, fece tutta la carriera, partendo come si suol dire, dalla gavetta e giungendo, dopo avere subito remore dal fascismo, in quanto ex socialista, alla carica di questore, ispettore di polizia per la Sicilia, ispettore generale della Repubblica."

Nessun commento: