sabato 31 marzo 2018

 Quel che ... Sciascia si è perso ...

[libero spunto da Gli Amici della Noce di Franco Sciardelli Milano agosto 1997, pagg. 35 e ss.]

"La Chiesa, dunque,  che tanto ha faticato per costruire una leggenda, ora la demolisce [Malgrado Tutto e gli inossidabili Nocini di Sciascia, Cavallaro e Picone] si sono fatti apostoli della verità storica, hanno sottoposta la leggenda a serrata critica [nessun dubbio, la Beddra matri di lu munti Racarmutu l'arrubbà a Grutti, parola dello storico settecentesco  Francesco Vinci nel 1760].  E c'è da fare una considerazione: che questo nuovo corso delle cose, per Malgrado Tutto di Cavallaro e Picone la chiesa per volere del sindaco Messana (il quale a tutti i costi ci vuole inciuciare a noi di Racalmuto con li vascì di li  Grutti, fa scendere dagli altari santi che vi aveva posato  e demolisce leggende che con accurata giustapposizione, lentamente per secoli aveva  creato; questo nuovo corso Volatire [pardon Sciascia] se lo è perso. Chissà  quanto ne sarebbe stato contento, che diverentissime e divertenti pagine avrebbe scritto......."

Chiosiamo noi, ma come mai hanno potuto inventarsi castronerie del genere? La nostra 'imago miracolosissima' nient'altro che una Beddra Matri gruttisa? 

Francesco Vinci non fu per nulla uno storico ad onta dei soliti don Serafino Messana e il pacioso Eugenio Napoleone Messana. che invero alle pagg. 90 e ss. si dilunga sulla venuta della Madonna del Monte secondo siffatto Francesco Vinci ma non mi pare che accenni a Grotte;  il Vinci fu rinchiuso adolescente in seminario, ne usci presto e fu mediocre galantuomo racalmutese. 

Propagandò solo una prima versione della nostra benemerita saga della Beddra matri di lu Munti per i versi in volgare eloquio siculo del padre agostiniano centuripino don Emmanuello Catalanotto, amico e protetto dalla nobile usurpatrice della contea carrettesca di Racalmuto, la  Duchessa BUGLIO in Gaetani.

Mio fratello Angelo Taverna ebbe la ventura di trovare una ventina di anni fa quelle coroncine del successore di frate Evodio niente meno che nella soffitta della casa che fu del canonico Mantione. 

E là di venute miracolose e di Statue grottesche non v'è cenno alcuno.

Noi l'abbiamo detto e scritto in tutte le salse ma come storici simo sfortunati in quel di Racalmuto peggio di quello che sono in politica. Pazienza. 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


 il monaco Catalanotto e inizia la deformazione della saga della Madonna del Monte 

...per mestiere spiego bene agli altri quello che per me non comprendo.



domenica 29 dicembre 2013


Saga veridica della Venuta della Madonna del Monte di Racalmuto


...per mestiere spiego bene agli altri quello che per me non comprendo.
Chiese a confronto


La chiesa di San Giuliano è molto più antica.

Il convento degli agostiniani centuripini sorse molto povero e per pochissimi frati dediti alla penitenza e alle elemosine. Diversa l'opulenza raggiunta nel '700, ai tempi in cui il P. F. Emanuello Maria Catalanotto "agostiniano della Congregazione di Sicilia" scrisse il primo raconto, in bei versi siciliani, della Venuta della Madonna del Monte". Lo scrisse per aggraziarsi la novella Duchessa BUGLIO in Gaetani e per manigolderie giuridiche eziandio Contessa di Racalmuto.





Si vede che il convento centuripino cambia nome e possidenze e così il monaco poeta può farsi pubblicare versi come questi:
"Va dunca fistiggianti, e cu allegria
 purtannu in manu la palma, e lu gighita
 cundiri ca sì fighia di Maria,
 e spusa cara di li beddu fighiu
 trema dunca l'Infernu in cumpagnia
 chi iu fra tantu a lu nomu m'appighu
 gridandu giubilanti cu armunia
 Viva La Matri du Lu Munti, e Fighiu. 



Non certo racalmutese il poeta ma quanto a giubilarlo con le parole dell'astioso padre Caruselli di Lucca Sicula (per il quale il suo originario ispiratore si sarebbe lasciato andare a "composizione malissimamente costrutta") ci sembra ardito e malevolo concetto.
Per il buon monaco Catalanotto la narrazione del portento della "imago miracolosissima" a dirla con un Vescovo agrigentino è meno grangrignolesca, quasi quasi credibile.
Così versifica:

"In chiddi tempi quannu succidiu
 di Racalmutu si truvau a passari
 certu divotu, dottu, santu e più
 chi in Castrunovu ci duvia purtari
 la bedda Matri di lu grandi Diu


 Chistu divotu s'era assai infiammatu
 di un certu Simulacru di Maria
 Beddu, chi sinn'era anchi innamuratu
 Lu nobili Conti di chista Cuntìa.
 Chistu Signuri lu vulia lasciatu
 dannu a lu Divotu quantu avia,
 ed avendu lu tuttu rifiutatu,
 la Statua purtari si vulia.

 Ma nenti lu mischinu potti fari;
 ristau scunsulato 'ntra la via
 Pirchì li Voi nun pottiru tirari
 lu beddu Simulacru di Maria,
 Signu evidenti, chi vulia ristari
 cu li Racalmutisi in cumpagnia/
Di fattu nun si vosi alluntanari
 da Racalmutu la Statua pia.

Videndu lu divotu stu stupuri,
 fici autri novi voi radduppiari
 affinchì cu gran forza, e cu viguri
la statua putissiru purtari;
 ma ristau lu mischinu cu duluri,
 chi mancu iddi lu pottiru tirari
 Chi permisi a la fini lu Signuri
 persi lu simulacru e li dinari.


Posta un commento