mercoledì 21 marzo 2018

ulla tomba del fratello di Sciascia sono scolpiti alcuini versi del canto 68 di Catullo. Ne riportiamo qui la traduzione:

.....Oh fratello rubato a me dolente!

luce bella del giorno rubata al fratello dolente!

è sepolta con te tutta la nostra casa,

è finita con te la nostra gioia,

che il tuo amore nutriva quando eri vivo

[vv. 92-96]

O misero frater adempte mihi,

tu mea tu moriens fregisti commoda, frater,

tecum una totast nostra sepulta domus,

omnia tecum una perierunt gaudia nostra,

quae tuus in vita dulcis alebat amor.

cuius ego interitu tota de mente fugavi

haec studia atque omnes delicias animi.

quare, quod scribis Veronae turpe Catullo

esse, quod hic quisquis de meliore nota

frigida deserto tepefactet membra cubili,

id, Manli, non est turpe, magis miserumst.

ignosces igitur, si, quae mihi luctus ademit,

haec tibi non tribuo munera, cum nequeo.

Posta un commento