lunedì 9 ottobre 2017

Nelle visite pastorali, il clero doveva sobbarcarsi alle spese per il vescovo, vettovaglie , cibarie ed ospitalità per il giorno e per la notte. L’arciprete, il vicario foraneo ed il procuratore del clero partecipavano all’eventuale Sinodo. Per il cosiddetto “cattedratico” l’arciuprete doveva sborsare 6 tar’ annui. Ministero della cura si chiamava l’ufficio sacerdotale generale. Sappiamo che in quel tempo era parroco Filippo Algozini di Prizzi, consacrato sacerdote nel 1712. Quando giunge il Gioieni era parraco di Racalmuto da «tre mesi e giorni dieci»; era di nomina pontificia (con breve di papa Clemente XII) e nel 1731 aveva 43 anni.
L’arciprete «risiede ed amministra la cura dell’Anime per se stesso e li suoi coadiutori sono il rev.do sac. D. Francesco Torretta ed il rev.do sac. D. Leonardo La Matina cui le si somministrano onze 12». Due chieri sono inoltre al servizio della Matrice, a pagamento.
Ancor oggi sono godibili i libri parrocchiali, in definitiva per l’amorevole cura dell’arciprete Algozini, guarda caso: non era neppure racalmutese. Trattasi dei seguenti libri: «parrocchiali, cioè de Battezati, de Matrimonij, dello stato dell’Anime (invero, al momento v’è un salto delle numerazioni delle anime passandosi da quella del 1654 a quella del 1755), de morti, osservando il metodo prescitto dal rituale romano con alfabettarsi; libri de confermati non si ha ritrovato per quante diligenze abbia fatto.»
“Sermoni pastorali” ogni domenica e tutte le feste comandate; la dottrina cristiana viene insegnata il dopo pranzo di tutte le feste dall’arciprete  che si serve “della dottrina di Bellarmino in volgare per li figlioli" ” del "catechismo romano" per gli adulti. Una menda: “non v’è scola per la dottrina”.
Ancor oggi ammiriamo il primo libro delle “denuncie da farsi al popolo” che è proprio dell’Algozini: ivi «ogni domenica si denunciano tutte le feste e vigilie e si pubblicano gli editti del vescovo e del S.to Officio”. Quest’ultima denominazione – che avrebbe fatto drizzare le orecchie di Sciascia – resta solo un flatus vocis, visto che nulla di orripilante è dato di rintracciare nel citato volume parrocchiale. Leggiamo, ad esempio, questo tediosissimo bando (come si vedrà non vi è nulla degno della Santa Inquisizione, almeno nella versione ormai corrente): «Avendo pervenuto alla notizia del Procuratore Generale de’ Santi Luoghi di Gerusalemme che molte persone abbiano detenuto, impedito, occupato, sottratto, et in altro uso  convertito l’elemosine, legati, denari, ed altri, in qualsivoglia modo spettanti a detti Santi Luoghi, essendovi anche di tal occupazione, detenzione, sottrazione et impedimento scienti alcune persone i quali per rispetto umano non vogliono rivelarlo, per ordine di Monsignore Ill.mo vescovo di Girgenti si fa canonica monizione a tutte le suddette persone che dovessero rivelare, e ciò fra il termine di giorni 15, cinque de’quali se l’assegnano per il 1° termine, 5 per il 2° e 5 per il 3°, quale spirato e non fatti li suddetti riveli si procederà da esso Mons. Vescovo e Sua E.C.V. alla fulminazione della sentenza della scomunica contro li scienti e non revelanti li detinenti, occupanti, impedienti e sottraenti l’elemosine dìsuddette. – 1731 Xa ind. Ottobre.»  L’avrà spegato l’arciprete Algozini a quei basiti contadini racalmutesi, tutti alla messa della domenica? Se no, davvero avevano poco da capire. Così come anche noi stentiamo a scoprire le ragioni che spingono il “devoto e santo vescovo” Gioieni a quelle veementi minacce di scomunica … contro ignoti. A meno che, dopo l’interdetto, erano proprio i preti locali ad accaparrarsi i proventi della vendita delle bolle della crociata; in questo caso erano davvero faccende interne e prudenza voleva che si si facesse scandalo. Avrà l’Algozini farfugliato qualcosa per non disobbedire al vescovo ed al contempo non disorientare i suoi parrocchiani, i nostri antenati?
In quel periodo approda a Racalmuto M° Filippo Agostino Bianco ed intende sposare “Marca Peri, schetta, figlia legittima e naturale di M° Rosario e Vita Peri di questa suddetta terra di Racalmuto.» Il cognome Bianco fu celebre anche ai miei tempi per la spiccata personalità di don Pasqualino. Il Pepi è patronimico scomparso da Racalmuto a  memoria d’uomo. Mastro Filippo Bianco era stato davvero un girovago e fu fatica improba per l’amanuense della Matrice trascrivere tutti quei toponimi esteri in cui il nubendo aveva dimorato più o meno a lungo: dalla Plagia del Marchesato di Brandeburgo alla terra di Aisein, ove si recò quando aveva 29 anni; «indi andò a travagliare da lavorante» in un paio di città estere e dopo finì a Proohoki per approdare a Vienna, passare in Lungaria, a Preseburg, in Raap, in Ophm. Ritorna a Vienna, ma non definitivamente: passa a Craaz e quindi a Piumma. Finalmente ritorna in Sicilia “con un vascello inglese” «e stette trè mesi in Palermo, di là un mese al Mazzarino, poi quindeci giorni a Butera, indi nove mesi in questa terra di racalmuto», ove intende accasarsi. Per stabilire lo stato libero, povera curia arcipretale!. Ma ci riuscirono: nessuno ebbe da eccepire dopo le pubblicazioni del 29 giugno, del 5 e 22 luglio del 1733. Pubblicazioni peraltro fatte gratis. E così: «desponsati fuerunt per me don Franciscum Torretta cappellanum , de licentia Parochi, sub die 24 julii 1733. Testes fuerunt Gaspar Giglia et Nicolaus S. Angelus, et postea benedicti fuerunt per sacerdotem Salvatorem Lo Brutto. Registrati  gratis.» Frattanto una famiglia riemergeva dopo un appannamento, la famiglia Savatteri. Il 2 febbraio 1732 il chierico Giovanni Savatteri, dovendo accedere all’ordine subdiaconale, può dichiarare pubblicamente che gli è stato costituito questo cospicuo “patrimonio”: una Cappella di onze dieci annuali con l’onere di Messe dieci fora data nell’Altare di S. Leonardo, in Serradifalco, come appare per contratto di fundazione ed elettione stipulato per l’atti di notaro Simone Boni sotto li 14 gennaro 1732; ed in supplemento una vigna consistente in migliara cinque con tumuli dui e mondelli dui di terre vacue confinata con la vingna di notarr Michael Angelo Vaccaro, e altri confini, nella contrada di Bovo, e numero cinque case conlaterali confinati con le casi di D. Vincenzo La Matina nel quartieri del Monte come appare in virtù di donazione stipulata per l’atti di Notari Nicolò Pumo.» La formula di rito si concludeva con questo “monitorio”: «pertanto se alcuno sapesse che detto patrimonio sia simulato, fiduciario, o che non sia bastante o di realtà lo venghi a denunciare.»
A S. Giovanni di Dio c’era l’ospedale. Affidato ai padri Fatebenefratelli, questi – e non solo allora – parevano più intenti a farsi i fatti loro che a badare all’assistenza degli ammalati di Racalmuto. Ma, quando subivano degli “sgarbi”, si avvalevano delle censure religiose dei loro confratelli della Matrice per tentare di ritornorare in possesso dei loro beni, violentemente asportati. «Si notifica ad ogn’uno – ci tramanda l’Algozini – qualmente nel mese di dicembre del 1732, avendo andato il P. Priore del venerabile Convento di S. Giovanne di Dio per alcuni affari di detto venerabile convento nella città di Palermo, in detto tempo, per causa della sua assenza fu fatto notabile danno al detto convento con averci derubato molto mobile,come formento, sommacco, oglio, e robba di tela, e molta robba di comestibile ed altro in grave danno e detrimento del detto venerabile convento, e perché vi sono alcune persone scienti dell’antedetto, e per rispetto umani non vogliono rivilarlo, intanto fra il termine di giorni quindeci … avessero da rivelare tutto quello e quanto sanno di verità altrimenti detto termine elasso e non fatto rivelo alcuno dalli scienti dell’antedetto, si procederà contro di essi dalla G.C.V. a fulminazione di scomunica. 1733 XI Ind. Primo 8 e 15 Marzo.» La Gran Curia Vescovile non credo che abbia sortito effetto alcuno da questa minaccia di scomunica contro ignoti: voler spezzare con la paura dell’inferno il senso d’omertà che già allora doveva essere forte a Racalmuto, era pia illusione. E poi a vantaggio di chi? Di un religioso del Continente che sopra S.Anna ci stava solo per arraffare le rendite che erano state distolte da Girolamo del Carretto e sua moglie Melciorra Lanza da un antico, umanitario scopo: la cura degli ammalati dereletti.
In quel tempo le feste particolari di Racalmuto, almeno quelle che si celebravano in Matrice, erano quelle che celebrative di: «S. Giuseppe, SS.mo Crocifisso, S. Antonio Abbate» nonché quella della SS.ma Annunciata. Non erano, però, occasioni di peccato o motivi per dar scandalo: «non vi sono male consuetudini – affermava l’Algozini, e noi dobbiamo credergli – e le vedove per la mestitia giungono più tosto il tempo della Messa e così ancora le zitelle spose.» Il pudico vescovo Gioieni poteva star dunque tranquillo.
Sontuose processioni, si avevano, poi, per il SS.mo Sacramento, nel giorno del Corpus Domini e per tutta l’Ottava. Inoltre, il giorno delle Rogazioni, dell’Ascensione, nel giorno di S. Marco, in quello di S. Maria di Giesù, di Maria del Carmine e di Rosalia:
Ci viene descritta una processione solenne: la processione del Santissimo «si fa come quella della Cattedrale; le mazze dell’ombrella e Baldacchino si portano dalli Giurati senza disparere, con tanti lumi quanto intervengono alla Processione, tanto di confrati quanto di regolari e clero; la spesa del lume è somministrata d’ogn’uno di per sé o dal Corpo della Communità.» L’arciprete lamentava «l’abuso che alcuni regolari portano la Croce senza pallio, ne’ Defonti.»
Ci colpisce la meticolosità con cui andavano celebrati gli atti fondamentali della vita religiosa. Il battesimo: «si trasferisce poch’ore dalla nascita del figliolo; senza necessità non si battezzano infanti in casa; nel sabato santo e nel precedente della Pentecoste con si battezza con rito solenne.» Noi moderni difficilmente riusciamo a comprendere come mai quello che per noi è atto d’amore, per l’arciprete Algozini un abuso che intende assolutamente sradicare: «non s’ha potuto riparare – accusa – al disordine di alcune madri tengono l’infante in letto ante annum». E se anche i genitori facevano l’amore, il bimbetto di un anno poteva davvero scandalizzarsi? Prurito clericale.
L’Eucarestia   «si porta all’Infermi giusta la forma prescritta di Paulo V, con diciotto lumi» a spese della Compagnia del SS.mo Sacramento: il clerico accompagnava il sacerdote con il Rituale e l’Acqua Santa. Quanto al sacramento della Confessione – tema scottante – era assicurato che «le sedie confessionali stanno il Logo aperto della Chiesa con le finestrelle e latte minutamente perforate, e con le grate spesse di legno. … Non si ammettono le donne di confessarsi  di faccia a faccia.» Il problema è quello degli infermi che vengono confessati in tempo per colpa dei medici che «il più delle volte … non osservano la Chiama» E l’Algozini incalza: «il disordine che corre circa l’infermi s’è che senza tal necessità alle volte dimandano il SS.mo Viatico ad ora intempestiva.»
Ovviamente «li matrimonij si celebrano in chiesa, con la messa pro sponsis, non in casa, se non con licenza del Vescovo [come abbiamo visto per il pittore Di Benedetto, n.d.r.]». Sta iniziando l’indagine ecclesiastica di appurare preventivamente se la volontà è davvero libera: «si sta introducendo – ci segnala l’Algozini – d’esplorarsi la volontà delli sposi separatamente.» Il guaio era che già i nubendi qualche carezza se la scambiassero prima delle nozze. Apriti cielo! «Li sposi alle volte – esagera l’Algozini – coabitano prima di contrarre il Matrimonio per verba de’ presenti ma occultamente.»
Il rituale della morte è da brivido: «lo fa il Parroco quest’Officio per se stesso quando non ha altra occupazione». In ogni caso si segue un testo dovuto al Principe di Ramacca (sarebbe da cercare) e ci si attiene al Rituale di Paolo V.
Poi le esequie: «si osserva il Rituale ad amussim (a puntino); si paga di mercede per ogni defonto sepellendosi nella Parochia a ragione di tarì 8.10, cioè tarì 3 per sepoltura e tarì 4 per obitoe tarì 1.10 per Croce.» Abbiamo notato una lievitazione del prezzo della buona morte  nel corso del Seicento che ora diviene decisamente alto. Intanto, scemava il tenore di vita dei meno abbienti e tanti che per orgoglio giammai avrebbero chiesto l’elemosina per il punto di morte  sono ora costretti a farlo ed a seppellire i loro morti nella carnaia della chiesa “gratis pro Deo”. Aspetto questo che francamente ci turba. Abbiamo pertanto una volta stigmatizzato il costume alquanto lugubre di speculare anche sulla morte da parte delle autorità ecclesiastiche, asserendo:
«I preti - allora - collaboravano, anche nello stanare evasori e falsi “miserabili”. La faccenda fiscale era allora, come oggi, faccenda seria, ficcante, perturbativa. Era una faccenda fiscale quadripartita: tasse per il barone prima e conte poi per i suoi diritti “dominicali”; “tande” per l’estranea e sfruttatrice Spagna; imposte comunali e, poi, tasse - e tante- di natura religiosa.
Queste ultime, secondo una nostra stima, erano la metà di tutta l’incidenza tributaria: andavano dalle decime arcipretali (chiamate primizie) ai “diritti di quarta”  della Curia vescovile; dai gravami basati su un falso diploma del 1108 (quello di Santa Margherita) in favore di un canonicato agrigentino che nulla aveva a che fare con Racalmuto (sappiamo di canonici beneficiari saccensi) ai tanti balzelli per battezzarsi, sposarsi in chiesa, avere il funerale religioso. Beh! la chiesa tassava il fedele racalmutese dalla culla alla tomba.»
Il passo della relazione Algozini che abbiamo  prima riportato, se non giustifica l’asprezza del tono, una qualche ragione ce la dà.
E se si voleva una sepoltura in altra chiesa, aumentava il costo: «in altra chiesa tarì 5 ne si paga altro funerale se non che la quarta della cera». Anche per i bambini c’era la «quarta di Monsignor Vescovo, però si pagano soli tarì 1.10 e competisce a Monsignor Vescovo la quarta parte tanto dell’obito de grandi quanto dell’obito dei figlioli.» Una nota di costume: «non vi sono abusi delle donne dolenti e congionti del defonto». Dobbiamo arguire che l’usanza delle prefiche o si era estinta o si era attenuata fino a non apparire un abuso agli occhi dell’arciprete Algozini.
Nel tempo della Quaresima, un apposito predicatore veniva chiamato dal di fuori per le sue roventi omelie volte al pentimento ed alla redenzione. E questo nell’ampia Matrice. Ciò invece non si reputava indispensabile nel tempo dell’avvento. Occorreva risparmiare, anche perché le spese per il predicatore incombevano sull’Università: pare che ascendessero ad un’onza e 2.5 tarì.
Erano compiti della parrocchia: a) benedire e distribuire le candele; b) fornire le palme nei giorni debiti ; c) e ciò a carico dell’arciprete; d) benedire e distribuire le ceneri; e) benedire solennemente il fonte battesimale, ogni anno nel sabato antecedente alla Pentecoste; sguinzagliare i sacerdoti per la benedizione delle case. Allora come oggi.
I problemi dell’aggiornamento del clero locale in materia di morale e nelle questioni teologiche? L’Algozini ragguaglia di avere «istituito un’adunanza di casi coscienza e di sacra scrittura due volte la settimana [anche se] non v’è costituzione che la precetti; il metodo che si propone e risponde d’uno dell’adunati il caso della coscienza, ed al punto della sacra scrittura. Tiene appresso di sé la Bibbia sacra, il cristiano instruito del P. Segnari ed altre sue opere, il Nesembergh, Crasset, ed altri ascetici; di Morale, il Bonacina Viva, Sayro,  Azorio, Toleto ed altri simili.
Trascriviamo ora pedissequamente il capo sesto, che contiene notizie di dettaglio molto importanti per comprendere la congiuntura storica di quel momento.
«Circa le notizie deve dare il Paroco della menza Parochiale, del beneficio e della persona. Della persona [del Parroco]: il suo nome è D. Filippo Algozini di Prizzi, d’anni 44; è sacerdote, Dottore in filosofia e teologia, revisore de’ libri nella Corte Archiepiscopale di Palermo.
«Il beneficio ha Ciesa propria [come abbiamo sopra descritto];
«Si chiama l’archiprestato di Racalmuto, sotto titolo della SS.ma Annunziata; l’è stato conferito della S. Sede; [di benefici, l’arciprete] ne possiede uno solo, [ed è] beneficio libero. Le rendite sono un tumolo di formento e un tumolo d’orgio per ogni casa, le vedove però un solo tumolo di formento, esclusi li fuggiti, miserabili e mali pagatori. Non vi sono beni alienati né usurpati; e questi sono Primizie, perché le decime tutte spettano a Mons. Vescovo e Catedrale.»
Ci viene qui spiegato il termine Primizie che pare fosse, dunque, una pretassazione a favore del Parroco; mentre le decime vere e proprie – quelle che si facevano risalire al celebre privilegio del 1099 – erano di pertinenza del Vescovo e dei Canonici della Cattedrale e venivano sottratte ad ogni ingerenza del locale arciprete.
Sulle Primizie arcipretali gravavano pesi ed oneri non indifferenti: 12 onze per i cappellani; 4 onze per i sacrestani; tarì 6 per il «catredatico»; onze 5 per il Seminario di Girgenti; tarì 20 per diritti erariali; onze 12 per aggi esattoriali; tarì 6 per la cera di S. Gerlando; tarì 6 per “l’oglio santo”; onze 4 «per sollennizzare la festa di Natale»; onza 1 «per la festa di Pascha»; onze 4 «per l’altre feste mobili dell’Anno, cioè Pentecoste, Ascensione, quadragesima, tenebri e simili; onze 2 per la Candelora; tarì 24 per le palme; onze 3 «per spese a minuto di Santuzzi, incenzo, libri parrocchiali, censi di confessionarij, purghe di sepolture, conze di vasi d’argento ed altri; onza una e tarì 18 per lavare la biancheria della chiesa; onze 7 per la quarta funerale incirca; onze 4 per sartatetti di superlletili; onze 2 per candele a chi paga la primizia; onze 4 “per provedere gli Altari”; [circa] onze 3 per “peregrini, spesa d’Erarij della G. C. Vescovile, visita, di cui non se ne sa il proprio stabilimento” ». Insomma, sull’arciprete Algozini gravavano, a suo dire, oneri per 70 onze e 20 tarì.
E allora vediamo quali erano gli altri benefici.
«Delle notizie deve dare il paroco circa i Legati e celebrazione de’ Messe», s’intitola il capo XI. Il parroco, in effetti, è tenuto a celebrare messe:
«In tutte le feste solenni e domeniche dell’anno; per li fratelli e sorelle di S. Maria del Soffraggio due messe solenni nell’anniversario, una nel primo lunedì di quadragesima ed altra nell’ottava dei defonti, ed una messa cantata cotidiana conventuale; per li fratelli del SS.mo Sacramento, una messa cantata nell’anniversario de defonti. Per il rev.do archipreste dr. D. Salvatore Petrozzella una messa cantata nel Lunedì del Corpus Domini; per D. Geronimo Provenzano una messa cantata nel giorno del suo anniversario; per Giovanna Grillo una messa cantata nell’ultimo vennerdì d’agosto.»
«La Cappella della SS.ma Annunciata tiene obligo di far sodisfare l’infrascritte messe, cioè: per l’anima di Don Gaspare Brutto messe n° dieci per reduzione fatta dal fu Ill.mo Monsignor Vescovo de la Pegna a 9 settembre 1727, in virtù di testamento del detto rev.do di Lo Brutto per gli atti di notar Natale Castrogiovanne a 3 ottobre prima Indizione 1617: al presente si pagano per Domenico d’Alaimo sopra li beni da lui possessi messe 10; Per Leonora e Bartolomeo d’Asaro messe n° 43 cioè per la detta Leonora n° 28 e per d. Bartolo n° 15 come per detta reduzione fatta dal dettoIll.mo de la Pegna nel di sopra citato, in virtù di testamento di detta Leonora per gli atti di notar Pietro Bell’omo ad 8 febraro prima indizione 1663: al presente si pagano cioè onze 2 per Onofrio Busuito ed onze 1 per l’eredi di Giuseppe Macaluso Alessi sopra il loro beni: messe n° 43; per tutti quelli avessero fatti legati alla detta Cappella Messe n° 5 ordinati dal detto Monsignor della pegna per detta reduzione: messe n.° 5».
La Cappella del SS.mo Sacramento era gravata dall’obbligo di n° 162 messe e cioè n.° 29 per l’anima di donna Melchiora Paruta Ramirez, giusta atto del notaio Castrogiovanne del 18 maggio 1592 ed a spese del Principe di Campofiorito; n° 24 per Costanza Lo Brutto, in virtù di atto del notaio Michelangelo Morreale del 5 dicembre 1636, con un onere di un’onza dovuta da Simone Sorce e tarì 21 dovuti dagli eredi di Salvatore La Matina; n° 9 per Francesca Casuccio per atto del 1638 ; n.° 29 per Orsola d’Afflitto per atto del 1654; nà 1 per l’arciprete dr. D. Salvatore Petrozzella; n° 43 per mastro Libertino Falletta; n° 4 per soro Anna di Palermo; n.° 12 per il sacerdote don Santo La Matina; n.° 10 per il sacerdote D. Antonino Macaluso; n° 1 per soro Grazia d’Agrò.
Nella Cappella di S. Giuseppe dovevano recitarsi queste messe: n° 141 per l’anima del rev.do sac. D. Giovan Battista d’Acquista; n° 1 per don Geronimo Provenzano; n° 2 messe cantate per l’anima dell’arciprete dr. D. Pompilio Sammaritano, per obbligo della Compagnia di S. Giuseppe.
Nella Cappella di S. Maria del Suffragio si celebravano: n° 8 messe per l’anima di Baldassare Promontoro; n° 9 per don Gaspare Lo Brutto; n° 2 per D. Giovanni Macaluso; n° 5 per Antonino Sferrazza; n° 12 per Giovanna Grillo; n° 10 per il rev. Sac. D. Giuseppe Sanfilippo; n° 17 per il sac. D. Girolamo Scirè; n° 43 per Francesco La Licata;  n° 56 per Antonino Sferrazza; n° 14 per il sacerdote don Giovan Battista Baeri; n° 4 per Vincenzo Castronovo; n° 240 “per diverse persone descritte nella giuliana”;  n° 72 per il sac. Don Giuseppe Vella; n° 4 per Giuseppe La Matina; n° 2 “per l’anima di tutti li contribuenti; n° 10 per il sac. D. Giuseppe Lo Brutto; n° 10 per d. Giuseppe Lo Brutto e Petrozzella; n° 10 per il notaio Isidoro Lo Brutto; n° 6 per don Francesco Lo Brutto; n° 58 per il sac. Don Calogero Cavallaro.
In quella “delli Tré Regi” abbiamo  n° 3 messe per don Santo La Matina.
 
Importante ancora il ruolo delle associazioni cattoliche laiche; in sommo grado le cosiddette Compagnie. A capo stava il Governatore con due assistenti che venivano chiamato “congionti”. Spettava loro l’amministrazione dei beni e venivano eletti con voto segreto. Duravano dai pochi mesi ad un massimo di un anno, ma potevano venire rinnovati. La carica era a titolo gratuito. La Compagnia aveva rendite che spesso risalivano alla notte dei tempi.
In particolare, abbiamo informazioni sulla compagnia del SS.mo Sacramento cui si deve la chiesa di S. Tommaso d’Aquino. «Fu fondata per quanto s’ha potuto con diligenza indagare nell’anno 1632: in tempo di Urbano VIII»; da quel tempo comunque intervennero le approvazioni episcopali ad ogni successione sino al predecessore del Gioieni. La confraternita aveva sede nella chiesa di S. Tommaso d’Aquino, santo che la Compagnia festeggiava nel giorno della sua ricorrenza. Ancora, a quel tempo, la chiesa non era consacrata ed era sotto il padronato della medesima Compagnia. Della chiesa si ignorava il tempo dell’erezione, ma, appunto per ciò, diveva essere piuttosto vetusta. Diciamo che risaliva per lo meno alla prima metà del Seicento. «La struttura della chiesa è a forma di oratorio; il tetto di tavoli è buono e non piove. Vi sono due finestre impannate; le pareti sono buoni; vi sono sessanta stalli di legno per fratelli; la fabrica si fa a spese delli fratelli. Ha d’entrata onze 12 dovute da don Francesco Maria per gabella di duodeci pecori di detta Compagnia; di più tarì otto dovuti annualmente da mastro Desiderio Troisi sopra una casa sita in quartiere di S. Margheritella confinante con mastro Giovanne Di Vita e Filippa La Caro, lasciateci da Costanzo di Benedetto in virtù di testamento; di più tiene Tumulo 0-1-2 di terra incirca nella contrata al Mulino Vecchio [..]; di più tarì 4 di rendita .. sopra vigna e terreno nella contrata della Noce; di più tarì 7 sopra vigna e sommacco nella contrata di Casali Vecchio.» La Compagnia teneva fiscelle di api, n° 50 pecore e da ultimo i Fratelli dovevano versare nelle casse sociali 5 grana al mese. Il loro vestiario era caratteristico: sacchi bianchi con mantello bianco orlato di nero e con la figura del SS.mo Sacramento, figura che era reiterata negli stendardi e nelle “verghe”. Nel 1731 erano iscritti 80 fratelli; dopo un noviziato ed una “prova”, con voto segreto di “tutti gli officiali e fratelli” si veniva ammessi alla Fratellanza.
 
La tumulazione avveniva di solito nelle chiese. Il cimitero principale era alla Matrice. «Nel pavimento della chiesa – scrive sempre l’Algozini  - vi sono n° 10 sepolcrare; non sono sotto le pradelle dell’Altari; ve ne sono quattro Padronati: una delli fratelli del SS.mo Sacramaneto, altra delli Petrozzelli, altra delli Brutti ed altra dell’Acquisti.» Sorprende che non si citi quella dello sciasciano personaggio di don Santo d’Agrò.
Una notizia piuttosto inestricabile è la seguente: «vi è cemiterio dentro l’istessa chiesa murato da per tutto, e però non ci è chiave, né Croce, né speciale benedizione del Vescovo.» Un’antica “carnaria”, pensiamo noi, che nel 1731 non solo era andata in disuso ma era stata, forse per motivi igienici, totalmente sotterrata ed ermeticamente chiusa. Riteniamo che si tratti di quella che frettolasamente dovette essere aperta al tempo della gavissima peste del 1671.
Notizie di contorno: il campanile era alto 65 palmi circa e non era coperto ma poteva venire raggiunto agevolmente con una scala interna definita comoda; era munita di tre campane come abbiamo già detto che erano state benedette dao precedenti arcipreti su licenza del vescovo. Il campanile non aveva entrata autonoma: «non v’è porta perché si salisce dalla medesima chiesa.»
Notevole la sacrestia: «è a tetto, vi sono tre finestre impannate, in una parte umida. Il pavimento [è] di gisso; non vi sono armarij; è mediocremente provista di superlettili sacri secondo l’inventario; la spesa di providerla appartiene al rev.do Arciprete e legatarij di messe.»
La Matrice non era subordinata ad alcuno: non v’era jus patronatus come ad esempio a Grotte che determinerà il cosiddetto scisma alla fine dell’Ottocento. Al tempo dell’Algozini «non c’era casa Parochiale, né cose mobili destinate alli Rettori, ma ogni soccessore o se la loca o se la fabrica per sé». Singolare caso quello della Cappella del Santissimo Sacramento, in possesso di «cinquanta fiscelli d’api con l’eredi del rev.do sacerdote D. Calogero Cavallaro» (+ 12 gennaio 1730).
 
 
UNA FAMIGLIA IN ASCESA: I CAVALLARO
Il notaio Angelo Maria Cavallaro
 
 
Nella seconda metà del XVIII secolo si afferma una nuova grande famiglia a Racalmuto, i Cavallaro. Muore giovanissimo, ma in tempo per lasciare ampie tracce di sé Angelo Maria Cavallaro, notaio.
All’archivio di stato di Agrigento diversi tomi di atti notarili lo riguardano ed al contempo forniscono un quadro della vita paesana racalmutese, particolarmente suggestivo.
Era il 1767 e con bella calligrafia viene chiosato l’esordio del repertorio del Cavallaro. «Jesus Maria Joseph – abbiamo nell’intestazione – Nota minutarum mei D. Angeli Mariae Cavallaro Notarii Racalmuti, anni primae inditionis 1767 et 1768 Regnante Serenissimo Invictissimo et Potentissimo D.no Nostro Ferdinando, Dei gratia, inclito Siciliane, Hyerusalem Regi Infante Hispaniarum, Duce Parmae, Placentiae Castri etc. Magno Haereditario, Etruriae Principe etc.» [1]
Il 12 novembre del 1767 don Francesco Vinci bussa alla porta del giovanissimo notaio; ha da redigere un atto con mastro Stefano Rizzo e, come dicevasi allora, “consorti”; oggetto una compravendita di tre mondelli ed una quarta di terre bonificate (vi sono venti alberi diversae speciei intus). Il podere è sito nello “stato” di Racalmuto, in contrada “Perdicis” (Pernici) vicino a certe terre di Calogero Barberi. Censi ve ne sono: tarì 1 e grana 17 annuali da corrispondere al feudatario, al conte di Racalmuto iure proprietatis. Il valore del cespite è di 5 onze e tarì uno, giusta la stima effettuata dall’estimatore mastro Giuseppe Maria Fusco.
Il notaio Cavallaro è diligente; raccoglie persino un certificato di buona fede redatto dall’arciprete del tempo don Strefano Campanella.
Il successivo giorno 15 è la volta di un notabile ancora più in vista, il barone dr Nicolaus Antonius Grillo. Questa volta si tratta di un complesso inventario a titolo di eredità. Il de cuius è il quondam D. Nicolaus Tirone; gli eredi: D. Rosa Spinola e Tirone vedova di d. Stefano Tirone ed il figliolo di questa d. Nicolò Tirone. E’ il gota dell’epoca. Oggetto dell’eredità: «in primis, due muli uno maschio di pilo baio castano et l’altra femina di pilo bajo, che trovansi in società con Gaetano e Salvatore Pillasi; un baldoino pizzato, due matarazzi di linazza, due coltre di lana sfiloccate, una allarama di Genova e l’altra alla stella; salmi quattro e tumuli dieci di frumento; salmi quattro di tomminia; salmi dodici di orzo; salme sette di fave; cinque stipe con duodeci botte di vino d’entro; sei vombari; uno zappollore; due zappolle; una cascia di legname segata; tre bisaccie longhe di lana; una pegnata di ramo; un palo di ferro; due piconi; un ferraiolo; una giammerosa; un cappello e finalmente dieci e nove resti di fico.»
Nello stesso giorno viene stilato un documento di grosso risalto per la storia feudale del paese. Actus gravaminis, viene denominato ed è redatto a richiesta ed a tutela di un gabelloto dell’epoca, don Gaspare Farrauto. «Io sottoscritto D. Gaspare Farrauto – possiamo tra l’altro leggere – offerisco alla gabella del mosto che si sta bandiando nella piazza di questa terra di Racalmuto con tutte le sue pertinenze, annessi e connessi, onze 150 da pagarsi cioè l’incirca medietà dopo che si termina la cima del mosto, che si dovrà fare in questa terra casa per casa, e l’altra incirca medietà all’ultimo di agosto venturo prima ind. 1768. Col patto che la cima del musto la devo fare io gabelloto immediate, dopo che stipulerò il contratto di d.a gabella in depondenza casa per casa col patto che qualora a Dio piacendo verrà l’ora dell’esigenza che sarà al primo di luglio venturo prossimo 1768, io infrascritto gabelloto dovrò esigere la detta gabella secondo la cima che o fatto ora, servendomi del braccio baronale senza alcuna dipendenza. Col patto che la Segrezia di questa mi deve difendere la sudetta gabella, ed io la cautelo colle chiuse di terre che ho in questo stato ed altre pleggerie. E mi sottoscrivo: D. Gaspare Farrauto.» Racalmuto, all’epoca, apparteneva all’ill.ma donna Raffaela Gaetani e Buglio, duchessa di Val Verde. Suo governatore risultava D. Antonio Grillo.
Un altro Farrauto, il sacerdote don Lorenzo, frattanto (21 novembre 1767) riusciva ad aggiudicarsi dal Principe di Pantelleria il vicivo feudo di Nadorello. Uno scambio di terre (appena un tumulo ed un mondello in contrada Pernice) avveniva tra Francesco Vinci e Stefano Lo Brutto. Si cercava di razionalizzare la proprietà terriera, molto frazionata. Così, don Francesco Pomo si accaparra da Maria Magno «modium unum et quartas tres terrarum cum duobus centum sexaginta sex vitibus vineae et 4 arboribus amigdalarum in c/da Mentae.» Il piccolissimo appezzamento di terra era gravato da un censo di tarì 1 e grana 10, spettante, iure propietatis, al venerabile Convento di S. Maria del Monte Carmelo. Antonino Fucà ne fu il pubblico estimatore del valore in linea capitale (3 once, tarì 6 e grana 10).
Gli eredi del quondam Giuseppe Martorana e Salvo Sentinella hanno bisogno del notaio, il 29 novembre 1767, per una divisione di asse ereditario. Calogero d’Ippolita dismette delle terre (due tumoli) in contrada Lago, in farore di D. Francesco Vinci. Il 5 del successivo mese di dicembre, mastro Calogero Romano acquista da Maria Rao e Russo «domum et catodium cum antro parvo intus, contigua et collateralia existentia in hac predicta terra et quarteriodella Lavanca, quibus cohesent domus ipsius de Romano, domus Calogeri Avarelli, domus Philippi Rizzo et aliis
L’8 dicembre 1767, Antonino Tornabene viene messo a bottega presso il ciabattino (cerdo) mastro Pietro Picone. Se ne redige atto pubblico in questi termini: viene affidato a «magistro Petro Picone cerdoni  [perché usufruisca dell’] opera et servitia personalia» il minorenne Antonino Tornabene di soli quindici anni. Il ragazzo «adiuverit artem cerdonis et hoc pro annis 4 ab hodie numerandum … et hoc pro mercede granorum quorum singulis diebus tam festis quam pro festis pro primo anno; pro secondo granorum trium, pro terbio granorum quatuor; pro quarto tandem granorum quinque.» Il Tornabene è però svincolato da ogni rapporto per i mesi di luglio ed agosto: ovviamente dovrà seguire i suoi nella “campagnata”.
I La Matina, gente facoltosa, ha problemi di divisione di terre facenti parte dell’asse ereditario del quondam Francesco La Matina. Si tratta, fra l’altro, di «tumuli septem et modium unum terrarum cum quibusdam terris rampantibus in eis inclusis in c/da S. Martae.» Vi insiste un censo di 23 tarì e 9 grana. Nella parte scoscesa «fuit constructm calcatorium sive palmentum». Era l’ultimo atto del 1767 cui si accingeva il notaio Angelo Maria Cavallaro.
Il 1768 si apriva con un atto dotale che val la pena di riportare per lo spaccato che vi traspare. Filippa La Licata si fidanza con Vincenzo Schillaci ed ecco il “piazzo” della futura sposa:
«Item bona mobilia scilicet un matazarro ed un sacco di letto novo, un paro di linzoli grossi novi, un lenzuolo sottile ingroppato novo, una culta bianca usata, un vantiletto usato ingroppato, un spongiatore ingroppato novo, due para di piomazzi, cioè un paro usati ed un paro novi, due para di piumazzelli novi, due para d’ imbesti di facciletti ingroppati novi, un padiglione usato ingroppato, una cascia usata, tre tovagli di faccia novi, una culta di lana e filato novi, un paro di cercelli d’oro prezzo ventiquattro tarì, quali si trova all’orecchi sud.a sposa, un chippone in tocco di lilla, un manto di scotto novo, una falcetta per la messa in tocco di canni due di saja, tre camicie di donna novi, tre bocciatori cioè due di filodente, ed uno d’Olanda ingroppato novi, un spito ed una candela di ferro e finalmente la zita vestuta per la casa, come si trova.» Deliziosa quella «zita vestuta per la casa, comu si trova».
 
Vi sono pure dei beni immobili, poca cosa, che comunque rendono un poco più giustificabile il ricorso al notaio per una dote che oggi neppure verrebbe presa in considerazione. Alla sposa va «medietas vineae cum terris uti vulgare dicitur “lavorativi” … in contrada Perdicis, [nonché] domus terranea in quarterio Ss. Crucifixi pauperum apud domum Filippi d’Ippolita, domum d.i Ignatii dotantis et alios . 
 
Un «domunculum terraneum existentem in quarterio S.i Joseph» compra il 16 gennaio 1767 Calogero Taibi Corbo da Giuseppe Milazzo Sorcillo: i soprannomi – molti dei quali ancor oggi in uso – sono consuetudinari, come si vede.
 
In contrada Noce - anche all’epoca, prestigiosa – Francesco Scimé riesce a farsi vendere dal notabile d. Francesco Pomo «tumulos sex et quartas duas terrarum cum quinque millibus et bis centum vitibus vineae et erboribus diversae speciei in contrada Nucis.» L’atto, schematicamente, precisa: «omnes vero summae harum terrarum de lordo ascendunt ad dictas uncias septuaginta novem et tarinos sexdecim.»
Dove e come abbia potuto il popolano Francesco Scimé raggranellare quella enorme cifra, non sappiamo. Da lì, una nuova famiglia assurge a vette di rispetto nell’angusta società racalmutese: nell’Ottocento e nel Novecento gli Scimé sono di varia levatura economica. Un filone, però, svetta, e domina sino ai nostri giorni.
Seguiamo, ora, quest’altro atto dotale: Nicoletta Bufalino fa promessa matrimoniale a Francesco Salvo. Il suo “pitazzo” annovera:
«item due matarazzi nuovi pieni di resca, tre para di piomazzi, tre para di faccioli, due para di lenzuoli grossi, una cultra rossa alla gioia, un giraletto rosso, un cortinaggio novo alla gangitana, una cultra con un giraletto tessuti all’onda sfiloccati, un paio di lenzuoli sottili, un paro di piomazzi con suoi faccioli sottili inguarnazionati, sei tovagli di faccia sottili, canni quattro di tovagli grossi, un sponziatore sottile con guarnizione, un manto, due falcette, una di giambollottino nero, ed una altra rossa nova, un panno novo, quattro gipponi, cioè uno di perpetecello azzolo, uno di perpeticello verde, uno di benforte, ed un altro di spinno, cinque veli cioè tre di filindente, e due d’Olanda, una cassa nova alla genovesa, e finalmente la zita vestita come si trova.» Oltre alla “robba” alla sposa spettano 4 tumoli di terra con 700 viti  ed alberi, siti nel feudo di Gibillini.
 
 
Don Francesco Vinci riesce a fare una permuta di terre con Paolo Salemi. Antonino Scimé può permettersi di comprare da Filippo Castiglione solo «modium unum terrarum cum biscentum quadraginta tribus vitibus vineae et arboribus fici in c/da Fanarae
Un contratto dotale avviene tra Rosalia Franco e mastro Carmelo Napoli. Rosalia Franco viene data in isposa a soli 14 anni. La fidanzatina si distingue per un anello d’oro, un paio di circelli d’oro ed una collana d’ambra. E’ il 30 gennaio 1768.
Il successivo 9 febbraio Ciro Rizzo compra da Lorenza Galifa una casa a S. Giuliano per il prezzo di onze 4.13.14. Giovanni Carbone acquista da Giovanni Capitano e consorti un mondello di terra ed una quarta. Francesco Lauricella da Lorenzo Salvo una casa; Giovanni Tirone da Francesco Lo Brutto e consorti, tre mondelli di terra a Rocca Russa; Francesco Marsala di Grotte scende a Racalmuto per un contratto con Mario d’Arnone.
Siamo a fine marzo del 1768: Anna Tulumello pensa all’anima sua e dona alla Cappella di S. Maria del Suffragio «intus matricem» un tumulo di terra da estrapolare dai 5 che possiede alla Menta. In cambio, i responsabili della Venerabile Cappella debbono «celebrare facere missam solemnem cum interventu et assistentia totius cleri et semel capere duas bullas
In quel marzo qualche strana tassa sulle professioni dovettero inventare i Borboni: ecco che Don Francesco Savatteri «nolle amplius exercere officium aromatarii». L’avrà fatto dopo abusivamente.
 
Salvatore Piccione compra da Giuseppe Milazzo una casa sita a S. Nicola per il prezzo di onze 10.16.10; Filippo d’Ippolita la compra per onze 5.4.0 da Luciano Morreale Campanella: è casa però diruta ed è posta in quartiere ut dicitur della Rocca della za Betta.
Don Calogero Tirone ottiene da Rosa Spinola e consorti domus terranea existens in S. Maria Montis. Filippo Rizzo compra da Calogero La Mendola e consorti tumoli 1 et quarte 2 con 800 viti e 2 alberi di pero in Gibillini, contrada di Gargilata «apud terras dicti d. Rizzo, terras Calogeri Palermo, terras Bartoli Scimé. Dette terre sono soggette a onze 3 «singula salma iure proprietatis debitis Ill.° Baroni d. feudi Gibillinorum». Il prezzo: onze 5.5.
«Calogero La Mendola e Venera Diana, marito e moglie, campano poveri», attesta l’arciprete D. Stefano Campanella; sono quindi facoltizzati a vendere quel po’ di beni immobili che possiedono a titolo dotale.
Data all’11 aprile 1768 «testamentum Christophalae Baeri, uxor Raimondi Borsellino». Angelo Tulumello compra terre da d. Gioacchino Lo Brutto per l’esorbitante cifra di onze 7. E giungiamo al 22 di aprile del 1768 quando un antenato di Leonardo Sciascia stipula un contratto societario di grosso momento. Si tratta del padre del «nonno del nonno» dello scrittore, che non solo non viveva, come vorrebbe il celeberrimo pro nipote, a Bompensiere, ma operava come conciatore di pelli nelle nostre lande. L’atto [2] descrive la singolare societas tra mastro Giuseppe Alfano e mastro Carmelo Bellavia che conferivano «uncias quadraginta unam et tarenos decem et octo» per comprare 24 cuoi di bue e lavorarli, «in pretio vigenti quatuor coriorum bovum.» Da una parte affiancava mastro Giuseppe Alfano mastro Pietro Picone, dall’altra era proprio mastro Leonardo Sciascia che si associava a mastro Bellavia.
 
Non va però oscurato il fatto che già alla fine del ‘600 i Cavallaro erano emersi dal grigiore paesano. Attorno al 1660 nasce il sacerdote don Calogero Cavallaro; questi assurge a collegiale e quindi ha rendite più che notevoli. Fatto sta che quando muore, invero tutto preso dal terrore dell’al dilà, lascia un testamento tutto carico di legati per le chiese. Abbiamo visto sopra come anche la confraternita del SS.mo Sacramento, alloggiata in 70 scranni di legno nell’oratorio di S. Tommaso d’Aquino, beneficia di tali lasciti, alcuni dei quali veramente singolari, pecore e fuscelli d’api. Il Cavallaro, morto il 12 gennaio 1730, qualche bene però alla famiglia dovette lasciarlo: si dà il caso che da quel momento quel ceppo passa tra i notabili di Racalmuto. Il notaio è il primo di una serie che darà lustro  e decoro ad una nuova schiatta di “galantuomini”  che perdurano ancor oggi.
Nel 1664 due sole famiglie Cavallaro c’erano a Racalmuto: entrambi i capi dei “fuochi” si chiamavano Pietro e, per distinguerli, uno veniva denominato Maiuri e l’altro Minuri; Calogero Cavallaro apparteneva al nucleo di quest’ultimo, come si evince dalla seguente registrazione nell’apposita “numerazione delle anime”.
CAVALLARO MINURI
PETRU
 
C.
 
PAULA
M.
C.
 

CALOGGIARU

 
 
 
GRATIA
F.
 
 
Nessuna aggettivazione riscontriamo in ordine all’eccellenza della famiglia, che dunque era ancora attestata ai livelli dei piccoli proprietari locali.
Un oscuro chierico, Orazio Cavallaro, muore attorno al 1715 (v. LIBER n° 182). Muore nel 1784, all’età di 46 anni, un altro ecclesiastico di spicco, anche questo chiamato Calogero Cavallaro, che nel LIBER (n° 288) viene indicato genericamente come “abbate”. Ma è solo nei primi decenni  dell’Ottocento che tornano i preti autorevoli in quella famiglia. Il nostro LIBER (n° 360) ci informa che don Emmanuele Cavallaro fu arciprete di Realmonte e là morì  il 21 febbraio 1836.
Ma già, ai primi dell’Ottocento, i Cavallaro sono degli ottimati locali soprattutto per la professione notarile, ove contemporaneamente eccellono vari componenti della famiglia, come dimostra quest’ultima numerazione delle anime del 1822.
5671
CAVALLARO
GIUSEPPE ELIA SAC.
 
 
SAC. D.
5696
CAVALLARO
GABRIELE
 
 
NOTARO D.
5697
CAVALLARO
M. GIUSEPPA
MOGLIE
 
DONNA
5698
CAVALLARO
BERNARDO SAC.
F.O
 
SAC. D.
5699
CAVALLARO
GIOVANNI
F.O
30
D.
5700
CAVALLARO
ROSA
 
16
 
5701
CAVALLARO
CALOGERA
F.A
9
 
5703
CAVALLARO
GIROLAMO
VEDOVO
 
D. NOT.
5704
CAVALLARO
ANTONINA
F.A
2
 
5705
CAVALLARO
PIETRO
 
 
NOTAR D.
5706
CAVALLARO
CALOGERA
MOGLIE
 
DONNA
5746
CAVALLARO
FELICE
 
 
NOTAR D.
5747
CAVALLARO
DOMENICA
MOGLIE
 
DONNA
5748
CAVALLARO
CALOGERO SAC.
F.O
 
SAC. D.
5749
CAVALLARO
IGNAZIO SAC.
F.O
 
SAC. B.LE D.
5750
CAVALLARO
ROSALIA
F.A
 
D.
5751
CAVALLARO
GIUSEPPE DI D. FELICE
 
D.
5752
CAVALLARO
GIUSEPPA
MOGLIE
 
DONNA
5753
CAVALLARO
GIUSEPPE
F.O
M. 1
 
 
Ben 19 membri ormai dominano il paese  con quattro notai e quattro sacerdoti. I maschi sono ora segnati in Matrice con l’orpello di “don”, le donne con quello di “donna”.
Nel Settecento, i Cavallaro si erano socialmente irrobustiti con matrimoni d’alto livello, che li avevano imparentati con le più cospicue schiatte del notabilato locale.
Un matrimonio che segna un salto nella scala sociale fu di sicuro quello che nel primo quarantennio del ‘700 contrasse don Emanuele Cavallaro con donna Melchiorra Lo Brutto: costei apparteneva ad una famiglia che a quel tempo dominava Racalmuto, anche se con toni sempre più sommessi, per il fatto che aveva gravitato su un arciprete molto intimo dei del Carretto. Attorno al 1754, il Cavallaro abita in un’ampia casa, sita nell’esclusivo quartiere della Piazza, come ci attesta un rogito:
Tiene ed esige di don Emmanuele Cavallaro tt. 10.10 sopra n.° 4: casi consistenti in quattro stanzi in questa Terra quartieri della Piazza confinante con casa di don Giuseppe Bellavia e strata che ragionati al 5% il capitale importa onze setti .................................................................... -/ 7
 
I Cavallaro risultano, in atti del 1715, proprietari, sia pure con i vincoli feudali all’epoca esistenti, di fondi
nella contrata di Bovo confinanti con li terri di Onofrio Cavallaro, con li terri di Geronimo Macaluso, e d'altri confini. Suggetti in gr: cinque dovuti ogn'anno per raggione di proprietà all'Ill.e Conte di Racalmuto
 
Ma, alla fine del ‘600, erano ancora in ristrettezze tanto da essere costretti ad alienare case di proprietà, come dal seguente rogito:
A 21 settembre X4^ Ind. 1690
Venditione fatta da Pietro Cavallaro al venerabile Convento di S: Maria del Carmine di questa d'una casa terrana sita e posta in questa terra e quarterio di S: Margaritella confinante con la casa di Santo d'Agrò et altri confini. La posessione ci la diede la medesima giornata per lo prezzo di -/ 2:21:10: di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Del resto, lo zio sacerdote aveva avuto fondi per acquistare terre dai fratelli Savatteri, che stavano attraversando un momento economicamente difficile. Eccone gli estremi
A 28 dicembre 7^ ind. 1698
Vendizione fanno Vincenzo e Michel'Angelo Savatteri di Racalmuto al Sac. d: Calogero Cavallaro di una pianta di vignia consistenti in migliaro uno e viti quindici con sue alberi limiti, e altri existente nello fego di Racalmuto, e nella contrata di Bovo confinanti con la vignia di Santo Calello con li terri dell'heredi del quondam Notaro Carlo Pumo e d'altri confini. Suggetta in tt. uno grana due e piccioli trè dovuti per raggione di proprietà all'Ill.e Conte di Racalmuto. La posessione della quale ci la diedero lo stesso giorno per lo prezzo di onze deci e tt. vinti quattro quale secondo la stima fatta per Marco Ristivo, e Marco Falletta quali prezzo li sù detti Savatteri lo confessorno de contanti, e come meglio per detta vendizione si legge.
 
E subito dopo è la volta di una casa che allarghi quella già posseduta:
A 15 ottobre 8^ Ind. 1699
Venditione fatta da Baldassaro Scibetta e Giovanna La Calci vidua relicta del quondam Stefano al r.do Sac. D. Calogero Cavallaro d'una casa terrana posta in questa terra di Racalmuto nel quartiero di S. Margaritella confinante con la casa di detto di Cavallaro e con la casa di Michael Angelo e Antoni Burgio. La posessione la diede la medesima giornata per lo prezzo di onze 2: come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Il reverendo ora vuole aumentare l’estensione delle sue terre. Intanto compra quest’appezzamento:
A 26 novembre 8^ ind. 1699
Venditione fatta da m.° Pietro e m.° Giachino Facciponti patre e figlio al sac: d. Calogero Cavallaro d'una vigna consistente in 645 viti incirca con suoi arbori posta nel fego di questa nella nontrata di Piomentisi confinante con la vigna di detto di Cavallaro e confinante con la vigna di Filippo di Costa. La posessione la diede la medesima giornata per lo prezzo di onze 6.25. come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
E l’anno successivo quest’altra casa:
A 19 agosto 8^ ind. 1700
Venditione fatta da Francesco e Beatrice d'Alaimo Sciortino Giugali al Sac.te d. Calogero Cavallaro d'una casa terrana posta in questa terra nel quartero di S: Margaritella confinante con la casa di detto d. di Cavallaro e altri confini. La posessione della quale la diede la medesima giornata per lo prezzo di onze 4: come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Non disdegna il nostro sacerdote di dedicarsi all’acquisto di case a scopo speculativo, per darle in affitto, come sicuramente sarà successo per questa nuova proprietà immobiliare:
A 23 Marzo 13^ Ind. 1705
Venditione fatta da Catarina e Stefano Pitrotto matre e figlio al sac. d. Calogero Cavallaro d'una casa terrana posta in questa, quarteri dello Castello seu Fontana confinante con Giuseppe Salvaggio e via publica. La posessione la diede la medesima giornata per lo prezzo secondo sarà la stima e meglio in detta venditione il di di sopra.
 
Inizia la corsa alla terra:
A 7 ottobre 14^ Ind. 1705
Venditione fatta da Stefano, Giovanne, Anna e Angela Milisensa madre e figli al Sac. d. Calogero Cavallaro d'una chiusa consistente in salme -.4.1. di terra posta nel fegho della Menta contrata etc. confinante con Mariano La Fichera e con heredi di notaro Carlo di Puma e altri confini. Soggetta in tt. 2.27. annuale per ragione di proprietà all'Ill.e Conte di questa. La posessione la diede la medesima giornata per lo prezzo di -/ 8.14. de netto e meglio in detta venditione il di di sopra.
 
Compera cui si aggiunge la seguente:
A 10 Settembre 4^ Ind. 1710
Venditione fatta da Vincenzo Cullura Polito al Sac. d. Calogero Cavallaro di tummina dui, e mondella tre e quarte due di terre poste nel fegho della Menta e contrata di Fico Amara confinante con Paulino di Nicastro, e d' Andria Tulumello ed altri confini. Soggetti in tt. 2 per ragione di proprietà all'Ill.e Conte di questa. La posessione la diede la medesima giornata per lo prezzo di -/ 6.8 de contanti e come meglio in detta venditione il di di sopra.
 
 
E quel sacerdote passa da una compera all’altra. Ecco quest’altro significativo rogito:
A 13 novembre Prima Ind. 1707:
Venditione fatta da Santa Biundo relicta del quondam Melchiorre e Francesco Grillo suo genero vendorno al R.do d: Calogero Cavallaro tummina dui mondelli dui e quarti dui di terri in questo fego e contrata della Nuci confinante con li terri del Sac: d: Giovan Battista Baera ed altri confini. La posessione la medesima giornata per lo prezzo di onze 5:23: di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
E quest’altro:
A 18: Dicembre Prima Ind. 1707
Venditione fatta da Mariano Burrugano al detto R.do Sac: d: Calogero Cavallaro tummina dui e mondelli dui di terre in questo fego confinante conli terri di Paulino di Nicastro ed altri confini. Suggetti in tt.1.17.3. per ragione di proprietà all'Ill.e conte. Il posesso la medesima giornata per lo prezzo di -/ 4:17:3: di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Ed ancora:
A 11: Gennaro Prima Ind. 1708
Venditione fatta da Nicolò Castilluzzo al R.do Sac. d. Calogero Cavallaro di tummina dui di terre in circa in questo fego e contrata della Nuci confinante con li terri del detto di Cavallaro ed altri confini. Sogetti in tt. 2:5: per ragione di proprietà all'Ill.e Prencipe Conte. La posessione la medesima giornata per il prezzo di -/ 5:14:10: di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Insaziabile la fame di terra di don Calogero Cavallaro. Il suo fondo alla Noce, forse proprio quello che ancora la famiglia possiede, di estende in data:
A 9: ottobre 2^ Ind. 1708
Venditione fatta da Sor: Maddalena Chiumbino al R.do sac. d. Calogero Cavallaro di tummina quattro di terre in circa  in questo fego e contrata della Nuci confinante con li terri del detto di Cavallaro. Sugetti in tt. 2:2:3: per ragione di proprietà all'Ill.e Conte etc. La posessione la medesima giornata per lo prezzo di -/ 9:18:10: di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Ed ora la voglia di case:
A 22 Gennaro 2^ Ind. 1709
Vendizione fatta da Salvatore Pitrozzella al Reverendo Sac. D. Calogero Cavallaro d'una casa in questa terra e quarterio di S: Margaritella confinante con li casi di Giovanne Capobianco ed'altri confini. La posessione la medesima giornata per il prezzo di -/ 7: di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
E’ la stessa nobiltà dei Del Carretto che ora vende a quel sacerdote con disponibilità liquide davvero inesauribili:
A 10 Febraro 2^ Ind. 1709
L'Ill.e D. Maria del Carretto, e Montaperto fece venditione al rev.do sac: d.Calogero Cavallaro di questa di tummina tre, e mondella dui, e quarta uno di terra existente el fegho della Menta confinante colle terre del suddetto di Cavallaro, e colle terre del Marcato del sudetto fegho. Soggetti in tt. dui, grana tredici, e piccoli tre annuali dovuti ogn'anno all'Ill.e Conte di Racalmuto per ragione di proprietà in virtù di suoi contratti. Per lo prezzo di -/ undici tt. setti grana dui e piccoli tre come furono existimate per Ippolito Fucà. Quale prezzo lo confessò de contanti. La posessione d'hoggi innante.
 
L’anno successivo è la volta di una nuova casa:
A 27 Febraro 3^ Ind. 1710
Soro Giuseppa Macaluso di questa terra di Racalmuto fece vendittione al Rev.do Sac: d. Calogero Cavallaro di questa d'una casa in questa terra, contrata di S. Margaritella confinante colle case del sudetto di Cavallaro di questa - franca di censo. La posessione d'hoggi innante per lo prezzo di onze tre e tt. ventinovi come fù estimata per m.° Alessandro Picone. Quale prezzo lo confessa de contanti.
 
 
Ed ancora nuove terre:
A 16 ottobre 4^ Ind. 1710
Soro Perpetua  di Nolfo di questa terra di Racalmuto fece vendizione al Sac. d. Calogero Cavallaro di questa d'una chiusa consistente in tumolo uno e monnella tre di terra incirca existente in questo Stato contrata della Nuci e Menta confinante con la chiusa del supradetto di Cavallaro. Soggetta in tt. uno e grana cinque annuali dovuti all'Ill.e Conte di Racalmuto per ragione di proprietà in virtù di suoi contratti. La posssione d'hoggi innante per lo prezzo di onze quattro tt. venti grana dudici e piccoli tre a ragione ad'onze quaranta salma. Quale prezzo lo confessa de contanti.
Siamo nel 1712, altro acquisto:
A 17 ottobre 6^ Ind. 1712
Venditione fà Sebastiano Cullura di Racalmuto al Sac. don Calogero Cavallaro anche di questa d'una vigna nel fegho di Racalmuto e nella contrata della Montagna confinante con la vigna di Geronimo di Giglia, e confinante con la vigna e chiusa di Vincenzo Cullura. Sogetta in tarì sei e grana uno cioè tarì uno e grana uno all'Ill.e Sig. Conte di questa e tarì cinque alla Venerabile chiesa di S: Michele anche di questa sudetta terra. La posessione ci la dona il medesimo di per lo prezzo di onze cinque quale onze 5. detto confessa haverli ricevuto di contanti come meglio per detta venditione appare sotto il di di sopra.
 
La voglia di terra spinge il sacerdote ad accollarsi canoni e censi pur di venire in possesso fondi coltivabili, come questo caratteristico atto di “renuncia e relaxito”, da parte di un facoltoso notaio. Attesta:
A 9 novembre septima ind. 1712
Notar Giachino Spinola di questa terra di Racalmuto fece renuncia e relaxito al Rev. sac: d. Calogero Cavallaro pure di questa di salma una, tummina quattro e monnelli dui di terra existente in questo Stato confinante colla chiusa di Petro Farrauto la Pupara e via publica ed'altri confini. Soggetta nella rata del censo dovuto a questo Stato per ragione di proprietà. La posessione d'hoggi innante  etc. lo relaxito per lo medesimo censo.
 
Sono proprio inesauribili le risorse finanziarie di d. Calogero Cavallaro, non riconducibili certo alle sole consistenze del “patrimonio” di cui fu dotato per accedere al sacerdozio. Ne è conferma questo rogito di un paio di anni dopo:
A 16 ottobre ottava ind. 1714
Notar Isidoro Lo Brutto, Nicolao Puma, Notaro Calogero Alferi e Geronimo Grillo Jar.°  e mastro Pietro, ed Ignatio Facciponti patre e figlio in solido fecero venditione al rev. sac. d. Calogero Cavallaro di questa di un Palmento collo terreno suggetto a detto palmento posto in questo Stato contrata di Bovo confinante con la vigna di detti Facciponti, e vigna di Caetano Cammalleri - franco di censo. La posessione d'hoggi innante. Per lo prezzo di onze venti come fu stimato per mastro Alessandro Picone Capo Mastro, quale lo confessa de contanti.
 
 
Nella seconda metà del Settecento i Cavallaro sono davvero affermati a Racalmuto. Vediamo ad esempio questo matrimonio:
31/7/1768
CAVALLARO D. GIUSEPPE DELLI FURONO D. EMMANUELE E
BRUTTO D. MELCHIORRA
BIONDI D. CALOGERA DE.LLI FURONO D. FRANCESCO
SOLDANO D. ROSA
 
Don Giuseppe Cavallaro, figlio di quei coniugi che abbiamo citato sopra, può sposare donna Calogera Biondi, che seppure orfana di entrambi i genitori, è pur sempre un membro di una notevolissima famiglia racalmutese di quel periodo.
Il fratello, un notaio, sposa una Savatteri, donna Domenica figlia di Francesco e di Lo Brutto Dorotea: famiglie importantissime che fanno quadrato con vincoli matrimoniali:
 
27/8/1780
CAVALLARO NOT. D. FELICE DELLI Q. D. EMANUELE
BRUTTO D. ELENORA
SAVATTERI D. DOMENICA DEL Q. D. FRANCESCO E
BRUTTO D. DOROTEA
PER D. JOSEPH SAVATTERI ET BRUTTO: TESTI D. PAOLO TIRONE E ISIDORO AMELLA
 
 
Ed un terzo fratello, un medico, convola a nozze sempre con una Biondi:
18/11/1786
CAVALLARO Dr D. GABRIELE DELLI Q. EMANUELE E
BRUTTO D. LEONORA
BIONDI D. MARIA DI D. VINCENZO E
RINALDI D. ROSARIA
PER D. JOSEPH SAVATTERI E BRUTTO
 
A fine secolo, abbiamo due Cavallaro che sono sacerdoti:
CAVALLARO
EMMANUELE SAC. DON
36
SAC. DON
 
GIUSEPPE ELIA SAC. DON
28
SAC. DON FRATELLO
 
Un altro con moglie, zia settantenne e serva:
CAVALLARO
PIETRO
 
36
DON
 
CALOGERA
M
28
DONNA
 
GIUSEPPA
 
70
D: ZIA
RINCIGLIO
MARIA
 
50
SERVA
 
Il capostipite, notaio, con un nucleo familiare assortito:
CAVALLARO
FELICE NOT. D:
 
60
NOTAIO D:
 
DOMENICA D:
M
40
 
 
CALOGERO D:
 
22
 
 
IGNAZIO D:
 
18
 
 
ROSA D:
 
12
 
 
GIUSEPPE D:
 
10
 
 
CALOGERA
 
19
 
 
Cui non è da meno il fratello cinquantaduenne, anche lui notaio:
 
CAVALLARO
GABRIELE D:
 
52
NOTARO DON
 
MARIA GIUSEPPA D:
M
32
DONNA
 
BERNARDO CL:
F
18
CLERICO
 
MARIA ROSA
F
4
 
 
MARIA NONA
F
1
 
 
ANGELA
F
12
 
 
GIROLAMO
F
15
 
 
GIOVANNI
F
13
 
 
ONOFRIO D:
 
56
D:
 
ROSALIA
 
22
 
 
Recluse al Monastero di Santa Chiara ben cinque religiose tra monache, novizie ed educande:
CAVALLARO
Sr. MARIA CARMELA
 
SUORA
CAVALLARO
Sr. MARIA RAFFAELLA
 
SUORA
 
NOVIZIE
 
 
 
CAVALLARO
Sr. MARIA TERESIA
 
 
 
 
EDUCANDE
 
 
 
CAVALLARO
CARMELA D:
 
 
 
CAVALLARO
NORA D:
 
 
 
 
Superiora a quel tempo era una loro zia:
BIONDI
Sr. MARIA DI GESU'
 
 
ABBADESSA
 
 
La crisi del feudalesimo a Racalmuto faceva emergere i notabili della nuova alta borgesia, cui affluivano gli incarichi pubblici. Don Giuseppe Cavallaro assurge alla carica di Sindaco  negli anni che vanno dal 1784 al 1787. E nel 1793 ce lo ritroviamo tra i deputati. Nell’esercizio successivo, accede tra i giurati don Raffaele Cavallaro. Negli anni seguenti, è don Felice Cavallaro che sovrintende all’intero patrimonio comunale.
L’eminente famiglia mantiene, ed anzi accresce, il ruolo egemone nella vita della locale comunità nel successivo secolo: cosa che vedremo più dettagliamente, dopo, quando accenneremo alle vicende dell’Ottocento.
 
 
SI APPANNANO I CASUCCIO
 
Una commovente lettera dei Casuccio del Settecento.
 
Emblematica del travaglio dei tempi, è questa lettera scritta da un Casuccio all’arciprete Campanella: lo stile sarà impacciato ma il mittente mostra una consuetudine con la parola scritta che per l’epoca è apprezzabile; la mortalità infantile è drammatica, le ristrettezze economiche diffuse.
 
Ill.mo Signore e Reverendissimo Colendissimo.
L’afflizioni che hà recato a mè e a tutta questa mia picciola famiglia rimasta, per la morte di quel benedetto, sfortunato figlio d: Bartolomeo, non possono esagerarsi con la lingua, né esprimersi con la penna; tutta lascio considerare a V. S. Ill.ma, pensando, che dietro le morti di quelli anco altri premorti figli, il Signore mi hà tolto questo, restandomi solamente una figlia, e don Ignazio, i quali sbigottiti di quest’ultimo caso, campano in cura di medicamenti, ma tutti impauriti. Mentre ringrazio il suo affetto di quest’Ufficio sacro passato, prigandola di raccomandarmi al Signore e di onorarmi con li suoi comandi, mi soscrivo di V.S. Ill.ma Ill.mo Signor d: Stefano Campanella – Racalmuto. -  Dato li 15 dicembre 1770
 
Ma tanto non è solo il grido di dolore di notabile in decadenza, quanto il segno di un declino di una famiglia che un tempo era stata localmente egemone: trattasi di un declino che durerà un secolo; alla fine dell’Ottocento ritornerà in auge, prima con un intraprendente burgisi che lascia la vanga per il piccone e scava con successo nelle viscere della contrada Ciaula alla ricerca del nuovo oro, lo zolfo, e poi con un arciprete che dominerà Racalmuto per tutto il periodo fascista e, soprattutto, nella prima era democristiana.
I Casuccio, invero, affondano le loro scaturigini familiari nei primordi della storia locale: nei registri parrocchiali della Matrice - una grande miniera di dati, sinora sostanzialmente negletta – si riscontrano già agli albori di quella documentazione [risalenti al 1564 e cioè al tempo della prima attuazione della Controriforma Tridentina] ben undici ceppi familiari con il cognome “Casuccio”, in grafia più o meno corretta. Sono tutti appartenenti alla buona borghesia del luogo e portano spesso un doppio cognome che si rifà nientemeno ai DORIA.
Quella famiglia può oggi vantare veri e propri nobili lombi, e sono i soli a Racalmuto. Ciò nei limiti, s’intende, in cui i Doria - quelli di Dante e quelli della storia di Genova, quelli del Cardinale Giannettino Doria di Palermo del tempo di M.A. Alaimo e Beatrice del Carretto e gli altri della celeberrima prosapia -  possono essere considerati nobili.
 
Cognome
Nome
Coniuge
1
Casuccia
Francesco
Maruzza
2
Casuccia
Gioseppe
Bastiana
3
Casuccia
Jacobo
Ioannella
4
Casuchia
Joanni
Rosa
5
Casuccia
Michele
Beatrice
6
Casuccia
Nardo
Minichella
7
Casuccio
Petro
Cartherina
8
Casuccia
Salvaturi
Juannella
9
Casuccia
Silvestro
Angela
10
Casuchia
Simuni
Contissa
11
Casucci
Vincenzo
Betta
 
Comprovano il doppio cognome questi atti parrocchiali:
10
9
1585
Geronimo
1
Antoni
Gulpi
Agata
Casuchia Doria Joanni
 
24
9
1586
Leonardo
Vincenzo
Parla
Solemia
Cimbardo cl. Angilo
Casucia Doria Vinc. m. di Fran.
 
8
7
1585
Jannuccio
Nicolao
Antonuccio quodam
Angila
Fuca'
Agata
Gasparo quondam
Betta
Casucia Doria Giovanni
 
 
 
4
1591
Maruzza
2
Antonino
Muriali
Francesca
Doria Jo:
4
1591
Santo
1
Antonino
Vento
Paola
Doria Jo:
 
10
6
1591
Jacopo
1
Francesco
Rizzo
Vittoria
Casuccia Doria Jo:
 
 
1.8.1616
CASUCCIO DORIA
FILIPPA
 
Emergevano, alla fine del Seicento, don Giuseppe Casucci e don Pietro Casucci, contro i quali si affilavano le armi giuridiche del conte Girolamo del Carretto, che li accusava di usurpazione di privilegi terrieri ed indebite esenzioni fiscali.
Secondo il conte, don Giuseppe Casucci possedeva sine titulo un fondo in contrada Bovo e cioè:
clusae cum terris scapulis exstentes in dicto pheudo Racalmuti et in contrata nominata di Bovo, confinaneis cum clusa Joseph Torretta, cum vineis Stephani Bruno et cum clusa Augustini de Beneditti, nulliter possessae per dictum reverendum sacerdotem d. Joseph Casucci.
 
Del pari, ciò valeva per l’altro sacerdote don Pietro Casucci:
 clusae cum terris scapulis cum vineis, arboribus et alijs exstentes in dicto pheudo Racalmuti et in contrata nominata di Bovo seu Montagna confinantes ex una parte cum vineis et terris ditti de Signorino, cum clusa notarij Francisci de Puma et cum clusa don Antonini Bartholotta, nec non cuiusdam vineae cum terris scapulis exstentes in dicto pheudo Racalmuti et in contrata nominata della Fontana della Fico confinaneis cum vineis quondam Antonini Vassallo, cum vineis Isidori Lauricella Erarij et cum vineis Pauli Bucculeri alias Gialì, indebité  possessarum per dictum Sacerdotem don Petrum Casucci.
Sappiamo che don Pietro Casucci finì i suoi giorni terreni il 7 dicembre 1713 all’età di 55 anni. Era un “collegiale” e cioè un mansionario di quella Comunia che aveva istituito l’arciprete Lo Brutto. Don Giuseppe Casucci visse più a lungo (decede il 15 gennaio 1728) ed era anche lui “collegiale”.
Ma al di là del patrimonio a suo tempo costituito non ci pare che i due sacerdoti abbiano avuto poi grosse disponibilità finanziarie per allargare le loro possidenze. Ci risulta solo quest’atto in favore di Pietro Casucci, che comunque ha tutta l’aria di una sistemazione di pendenze familiari:
A 5: Aprile Prima Ind. 1708:
 
Venditione fatta da Brigida Casucci relicta del quondam d. Ignatio al R.do sac: d. Pietro Casucci migliara sei di vigna con il suo palmento, albori, limiti ed'altri nel fego delli Giardinelli confinante con la vigna di Michael Angelo Callega ed altri confini. Sogetta nel suo solito censo. La posessione la medesima giornata per il prezzo di onze cento di contanti come meglio per detta venditione il di di sopra.
 
Un altro paio di sacerdoti, don Gaspare Casucci e don Vincenzo Casucci, ne mantengono ancora il prestigio ecclesiastico e quindi sociale sino alla prima metà del Settecento. Don Gaspare, collegiale beneficiale di S. Antonio, muore il 26 gennaio 1756; don Vincenzo, beneficiale semplice, muore il 26 settembre 1757 all’età di 62 anni. Poi abbiamo P. Carlo Casucci che è un frate e non può certo operare in disprezzo del voto di povertà. Anche questi comunque muore in quel torno di tempo, attorno al 1763.
Nel LIBER i Casuccio tornano un secolo e mezzo dopo con la morte del chierico D. Paolino Casuccio di Calogero mato in Racalmuto il 10 maggio 1892 e morto in guerra il 12 Agosto 1016 (n° 457.)
La rarefazione di sacerdoti in famiglia attesta proprio questo declino economico di cui la lettera che abbiamo riportata è eco e testimonianza.
 
 
L’ascesa di una nuova grande famiglia: i Tulumello.
 
La grande famiglia Tulumello è un antico nucleo familiare, ma sino alla prima metà del Settecento non vanno al di là delle solite annotazioni anagrafiche nei libri parrocchiali della Matrice. Il ceppo che avrà nell’Ottocento ruoli di risalto nella vita pubblica e, addirittura finirà nei testi araldici, parte da questo Giuseppe Tulumello – pare un gabelloto – che nel 1741 sposa una canicattinese:
Giuseppe Trumello Sch: figlio Legittimo e naturale d'Ignazio e Anna Tulumello Jugali di questa terra di Racalmuto con Paula Cuva sch. f. leg. e naturale di Pietro e Gratia Jugali della terra di Canicattì. Pubblic: 1741 5^ ind. ottobre 22.28.29.
 
 
Un sacerdote, don Nicolò Tulumello, frattanto si stava affermando a Racalmuto, ma cessò di vivere ad appena 30 nel 1748 (il 21 luglio) quando era già collegiale. Risulta dai fondi di Palagonia che nel 1763 diversi Tulumello spiccavano per consistenze patrimoniali e denunciavano quantità di grano  ben al di là delle misure consuete, oltre a possidenze ed a proprietà di ovili:
1.     Tulumello Calogero rivela s. 110 f.f.te e timilia, delli quali ff. li bisognano cioè per mangia della mandra s. 35 ff., p. simenza s. 20, per soccorso di seminerio d'orzo e ligumi e colture di vigne s. 12 e s. 43 p. commodo e mangia della propria famiglia;
2.     Tulumello Giuseppe, rivela s.70 ..f.fte quali li bisognano s. 35 per mangia della mandra, s. 16 per simenza, s. 10 per soccorso di detto simenerio, ligumi ed orzo, e s. 9 per mangia di casa e garzoni;
3.     Tulumello Giovanne, rivela s.70 ..f.fte quali li bisognano s. 35 per mangia della mandra, s. 16 per simenza, s. 10 per soccorso di detto simenerio, ligumi ed orzo, e s. 9 per mangia di casa e garzoni.
 
Nei riveli troviamo, dunque, quel Giuseppe che sarà il capostipite di quello che sarà il ceppo nobiliare per  le vicende di fine Settecento. Nel censimento del 1753 Giuseppe Tulumello ha 33 anni; la moglie 28 ; i figli: Rosa di 11 anni, Vincenzo di 6 anni e Nicolò di quattro (che sarà sacerdote ed acuisterà per persona da nominare il titolo baronale di Gibillini).  Vicino abita il fratello Giovanne Tulumello di Ignazio di 27 anni, sposato con Santa. Assieme c’è la mamma, Anna Cuva di anni 60 e già vedova di Ignazio Tulumello.
 
Annotiamolo: fino al 1753 i Tulumello non vengono contraddistinti con titoli di risalto come don; d’altronde non fanno parte delle locali maestranze: sono però grossi gabelloti.
Nel 1785 i Tulumello hanno però fatto il salto nella gerarchia sociale racalmutese: don Giuseppe Tulumello ora siede accanto ai giurati; nel 1791 sarà la volta di don Vincenzo Tulumello, il quale può persino permettersi di divenire l’arrendatore del patrimonio urbano per onze 1.126 e tarì 15.18. Tra i giurati del 1794 vi troviamo don Ignazio Tulumello.
Fu in quell’epoca che si fece valere il sacerdote don Nicolò Tulumello. Ecco quello che di lui dice il LIBER (n° 334): «collegiale, vicario foraneo e direttore del Collegio di Maria e fondatore del medesimo, pochi mesi prima di morire si ritirò nell’Oratorio dei Filippini in Girgenti dove morì il 5 Marzo 1814 di anni 65 e per ordine di Monsignor Granata Vescovo di Girgenti si trasportò il cadavere di lui nella Chiesa di questo Collegio di Maria.»
 
La famiglia Matrona
In un rivelo del 1752 che fa don Giuseppe d’Agrò, quale beneficiale della chiesa di S. Nicolò di Bari, troviamo per la prima volta un personaggio: don Pietro Matrona. Ci appare, già, tra i maggiorenti di Racalmuto.
Dobbiamo attendere il 2 settembre 1802 per avere notizie su un sacerdote locale appartenente a tale grande famiglia: si tratta di don Calogero Matrona che nel LIBER (n° 313) viene così contrassegnato: «morì in Montaperto il 2 Settembre 1802 d’anni 49».
In effetti, nella numerazione delle anime del 1762 troviamo il nucleo familiare di don Pietro Matrona (segnato all’età di 32 anni, e quindi nato nel 1730, a nostro avviso non a Racalmuto) che oltre alla moglie donna Rosalia di anni 32 è composto, appunto, da Calogero di anni 6 (nato quindi attorno al 1756) e da Francesco di anni 3, e Marco di anni .
Quando nel 1784 si fanno le pubblicazioni per l’accesso agli ordini maggiori di don Calogero Matrona, questi ci tiene a farsi indicare con un doppio cognome: Matrona-Moncada; non sappiamo con quale fondamento, arguiamo comunque che i Matrona discendono, per via collaterale, dai Moncada.
In un libro degli “sponsali” della Matrice abbiamo questa notizia su un Matrona che non crediamo abbia messo radici a Racalmuto. Là viene annotato quanto segue:
19/7/1741 - MATRONA E SPINACCIOLO D. PIETRO  DELLA CITTA' DI SUTERA PARR. DI S. AGATA DEL Q. D. MARCO E LA VIV. DOROTEA [si dovrà sposare con] SFERRAZZA D. CALOGERA DEL QUONDAM D. DOMENICO E LA VIVENTE  SANTA.
 
Una cosa comunque è certa: la madre di don Calogero Matrona non era una Moncada. Sappiamo con precisione che questa, donna Rosalia, era di elevata famiglia, essendo una La Lumia di Naro, ma nulla ha ache vedere con i Moncada. Possiamo solo congetturare che una Moncada fosse la nonna del sacerdote.
 Don Pietro Matrona, il padre del Sac. Calogero,  giunge a Racalmuto già vedovo. La prima moglie era una tale Calogera non meglio precisata negli atti della Matrice, ove si riscontrano gli estremi del secondo matrimonio del Matrona. Questo è almeno quanto emerge dalle pubblicazioni che qui trascriviamo:
../10/1750 – PIETRO MATRONA E MONCADA, VED: REL. DELLA Q. D. CALOGERA  OLIM GIUGALI DI Q. TERRA[intende contrarre matrimonio con] LA LUMIA D. ROSARIA DI D: MICHELE E  D: ELISABETTA GIUGALI DELLA CITTA' DI NARO PARR. DI S. ERASMO 1750 XIIIJ IND. DIE 11/8BRIS/18.25. [1750]
 
L’ultimo dei figli di don Pietro, Marco Matrona,  sposa nel 1787 con donna Francesca Baeri, la cui famiglia è omai a Racalmuto oltremodo affermata. La rimarchevole importanza di padre e madre della nubenda si coglie appieno in questa trascrizione degli atti dello sposalizio. 
11/3/1787 - MATRONA D. MARCO DI D. PIETRO E LUMIA [intende contrarre matrimonio con] D. ROSALIA BAERI D.NA VINCENZA FRANCESCA DI D. GIUSEPPE E LA FU BELMUNTI D. MELCHIORA OLIM DI QUESTA.
 
Don Francesco Matrona sposa l’anno dopo ma con una vedova, tale Giovanna Petruzzella, vedova di don Giuseppe Salvaggio, come dal seguente atto:
 
21/3/1798 - MATRONA D. FRANCESCO FU D. PIETRO E LUMIA [intende contrarre matrimonio con] D. ROSARIA PITROZZELLA D. GIOVANNA VED. DEL FU D. GIUSEPPE SALVAGGIO.
 Nell’anno che intercorre tra i due matrimoni cessa di vivere don Pietro Matrona, il capostipite della famiglia tanto celebrata da Sciascia. Tutti e tre i figli maschi ne ereditano il prestigio ed il notabilato a Racalmuto. Uno come sacerdote beneficiale (come abbiamo visto) e gli altri due in vetta alle maggiori cariche amministrative del paese. Ma sarà nel secolo successivo che i Matrona domineranno incontrastati, almeno fino a quando, nella parte terminale dell’Ottocento la ruota girerà e la decadenza sarà inarrestabile. In tempo. Comunque, per meritarsi queste impareggiabili chiose del grande scrittore racalmutese: «Pare che.. la sua [della contrada Noce] fortuna come luogo di villeggiatura [le sia venuta] dal fatto che una grande famiglia vi abbia costruito, alla fine del settecento, quando venne di moda la fuga dalla citàà nell’estate, una casa grande come un castello … Ma nei primi anni del nostro secoloquella grande famiglia si estingueva, così come si estinguono in Sicilia le grandi famiglie.»[3] E per giunta: «Dall’unità d’Italia in poi, direttamente o per interposte persone, l’amministrazione comunale era stata nelle mani di una famiglia che appunto per amministrare il comune disamministrava il proprio patrimonio o, più esattamente, andava travasandolo nel patrimonio pubblico: la famiglia Matrona. Non nobile – e del resto nel paese una sola famiglia aveva titolo nobiliare, quella dei baroni Tulumello che fu rivale ai Matrona: incerta però resta la legittimità del titolo – ma di grane e vera nobiltà nel comportamento, negli intendimenti, nelle opere. A loro, ai Matrona, si devono scuole, uffici comunali, strade selciate, fognature, macello, fontanelle rionali, teatro. … E non solo i Matrona si occuparono di sanare e abbellire urbanisticamente il paese, di dargli uno splendido teatro e di farlo attivamente funzionare, ma anche della sicurezza sociale. … Naturalmente i Matrona avevano dei nemici: ma si scoprirono più tardi, aggregandosi alla famiglia Tulumello.  … E si capisce che nel giro di mezzo secolo i Matrona furono poveri, sicché fu facile ai loro avversari batterli: col conseguente effetto di un ritorno del malandrinaggio, della mafia, delle usurpazioni e prevaricazioni. »  [4]
 
Dinamica sociale in seno agli ottimati sel settecento racalmutese.
 
 
Il Cinquecento a Racalmuto si era chiuso con amministratori che o erano familiari del conte (vedi il Russo) o suoi strettissimi affiliati. Taluni di tali notabili resistettero nel Seicento, altri sparirono. L’esordio del secolo dei lumi vedeva in declino i Del Carretto (sino alla loro totale estinzione) e di conseguenza il diradamento delle famiglie della locale orbita comitale. Con l’avvento dei Gaetani, l’amministrazione comunale, le pubbliche funzioni, gli incarichi esattoriali, quelli dell’amministrazione della giustizia e della tutela dell’ordine pubblico, e simili passano a funionari di fiducia del nuova padrone di stanza a Naro. Sono soprattutto notai forestieri che scendono in Racalmuto, sposano qualche figlia del locale notabilato e vi mettono le radici. Notai come i Vaccaro, i Picataggi, i Vinci prendono il posto di ceppi d’eccellenza che si disperdono o decadono come i Piemontesi, gli Afflitto, gli Alaimo, i Monteleone, gli Ugo, gli Amella, i Tudisco, i Salvaggio, i Promontori, i Chiccarano, i Fanara, i Catalano, i Justiniano.
A metà secolo, i maggiorenti sono ora tutti raccolti in una famiglia baronale – i Grillo – scomparsa nell’ottocento, quando il relativo patrimonio  trasmigra ad una famiglia collaterale,  i Bordonaro di Canicattì. A fianco, abbiamo i Gambuto, i Pomo, i Vinci, i Bellavia, i Matina ed i Picataggi. Lo scenario di fine secolo sarà ancora diversificato. Gente forestiera come gli Impellizzeri, i Perrone, gli Scimonelli, i Mannarà, fanno una fugace apparizione e poi ritornano nei loro luoghi dìorigine senza lasciare traccia a Racalmuto. I nuovi quadri dirigenti restano però contrassegnati dagli ottimati locali quali i Picataggi, gli Amella, i Grillo e Pistone, i Matrona, i Fucà, i Cavallaro, i Lo Brutto, gli Scibetta, i Gambuto, i Tulumello, i Tirone, i Grillo e Brutto, i Pomo, i Grillo-Alessi, gli Sferrazza, i Vinci, i Baeri, i Mattina, i Bellavia, i Farrauto, i Savatteri, i Grillo-Ingrao, i Grillo ed Alessi.
Ma sono le fortune che cambiano. Ad inizio del secolo, le famiglie di maggior reddito non erano molte e gravitavano attorno ai cospicui patrimoni di taluni sacerdoti come il Signorino, don Santo La Matina, i Casuccio, i Baera (per non ripetere quanto detto sulle acquisizioni terriere e immobiliari dei Cavallaro).
A metà del secolo, la locale crestomazia è molto più estesa ed investe patrimoni notevolissimi come quelli dei Grillo, dei Pumo, dei Savatteri, degli Sferrazza, degli Scibetta, degli Spinola e dei Vinci. Da un documento contabile del 1763 i proprietari terrieri con una disponibilità di frumento oltre le 20 salme non superano i 29 nominativi, come dal seguente quadro:
 
Denominazione
Salme
Alfano m.° Giuseppe del quondam Bartulo
65
Alfano sac. d. Filippo
30
Avarello sac. d.  Alberto
75
Burruano Giuseppe del quondam Marcello
28
Busuito Grispino
26
Campanella sac. d. Stefano arciprete
100
Conti sac. d. Gerolamo
26
Di Franco m.° Agostino
40
Farrauto sac. d. Santo
220
Gambuto don Francesco Antonio
50
Grillo don Antonio
802
Grillo don Antonio come Governadore di Racalmuto dice avere nelli magazini della Segrezia di detta terra a nome di detta
703
Grillo don Antonio Maria
91
Grillo don Gaetano
306
Grillo e Poma Dr. Don Barone Niccolò
132
Grillo sac. d. Salvadore Maria
160
La Licata Paulo
25
Mantione sac. d. Antonino
27
Nalbone sac. d. Benedetto
360
Picone Chiodo Nicolò
42
Pomo fra' Giuseppe Priore del venerabile convento del Carmine
26
Rizzo don Vincenzo
24
Savatteri sac. d. Michel'Angelo
21
Scibetta e Franco sac. d. Giuseppe
30
Scibetta ed Alfano sac.d . Giuseppe
70
Scibetta m.° Stefano
160
Tulumello Giovanne
70
Tulumello Giuseppe
70
Vinci don Calogero
26
 
Certo la distribuzione è tutt’altro che omogenea: i Grillo appaiono su un livello del tutto eccezionale e si discostano enormemente dalle possidenze degli altri. Sono tre soli quelli che, a distanza, emergono: don Benedetto Nalbone, don Santo Farrauto, mastro Stefano Scibetta ed infine l’arciprete Campanella.
 

R La famiglia Savatteri

Grande è sta l’importanza della famiglia Savatteri: emergente nel Cinquecento, notevolissima nel Seicento, ebbe splendori nel Settecento, ma fu nell’Ottocento che fu dominante, specie dopo l’unità d’Italia, per eclissarsi alla fine di quel secolo.  Qui ci intratteniamo sul filone settecentesco. Sono, ovviamente, gli ecclesiastici della famiglia ad avere lasciato tracce storiche. Iniziamo da don Francesco Savatteri.

 

Sac. Francesco Savatteri (1654-1712)

 
Appena diacono nel 1677, svolge poi un ruolo di un qualche rilievo il sacerdote Giuseppe Savatteri. Lo incontriamo per la prima volta così contrassegnato:
1
1677
FRANCESCO
SAVATTERI
DIACONO a  23
 

Posta un commento